Risolatte con crema al limone e cioccolato

Cioccolato Sabadì + Riso Riserva San Massimo

ricetta di Paola Sucato
poster di studio iknoki


Ingredienti

Per quattro persone

Per il riso al latte
1,2 l latte fresco
100 gr zucchero
200 gr riso Carnaroli Riserva San Massimo
Un micro pizzico di sale

Per la crema al limone
60 gr zucchero
250 ml latte
2 tuorli d’uovo
20 gr farina
La buccia di 1/2 limone non trattato
100 gr cioccolato Sabadì “Donato”


Procedura

Preparazione riso al latte
Portare ad ebollizione il latte, lo zucchero e il pizzico di sale in un tegame di grandezza media. Versare il riso e cuocere per 25 minuti a fuoco minimo e coperto (nel caso si assorbisse molto il latte, aggiungerne un pochino alla volta a caldo).

Preparazione crema al limone
In una ciotolina, portare a ebollizione il latte con la metà della buccia del limone, facendo attenzione di non usare la parte bianca che lascia un gusto amaro, lasciare bollire un minuto e spegnere.
Nel frattempo in una ciotola montare i tuorli con lo zucchero, fino a renderli chiari e spumosi. Incorporare la farina e l’altra metà della buccia di limone e amalgamare per qualche secondo. Aggiungere gradualmente il latte, mescolando con una frusta e versare il composto in una casseruola. Portare a bollore a fuoco basso, continuando a mescolare, fino a che la crema si addensa e comincia a bollire. Dopo un minuto spegnere, versare la crema in una ciotola, coprire con della pellicola trasparente perché non si formi la pellicina in superficie.
Tritare grossolanamente il cioccolato e tenere da parte. A questo punto in una coppetta di vetro o in una bella coppa da champagne, adagiare il riso al latte ancora tiepido, distribuire uno strato di cioccolato tritato, e poi uno strato di crema al limone. Decorare con un cucchiaino di cioccolato e delle fettine sottilissime di limone.

Ottima tiepida, ma anche fredda.


“Ho preparato una ricetta semplice che come spesso accade è legata ad un ricordo d’infanzia: in quel delle Langhe, la nonna Margherita, nonna dolcissima e acquisita da un patrigno, quando mi vedeva giù di corda mi preparava appunto il riso al latte, aggiungendo anche una spolverata di cacao o cioccolata grattugiata. I problemi di un’adolescente possono svanire con un dolce preparato con amore e attenzione ed io cerco di ricordarmelo, adesso che sono madre di Rebecca, polemica e golosa sedicenne di casa mia…”